FILM ANTI ABORTO A MONOPOLI A SCUOLA, INTERVIENE IL GARANTE REGIONALE PER I MINORI. COMUNICATO DELLA SCUOLA, INSORGONO LE LISTE CIVICHE

Cronaca -

«Tutte le procedure per appurare fatti, circostanze e persone coinvolte nella vicenda» sono state avviate dal polo liceale di Monopoli, al centro di polemiche per la proiezione in classe di un video sull'aborto. Ieri due deputati M5S Veronica Giannone e Luigi Gallo avevano presentato un’interrogazione al Ministro Buassetti riferendo della «cruenta lezione pro vita avvenuta in un liceo di Monopoli con la proiezione, durante l’ora di religione, di un video antiabortista vietato ai minori». 
«Si ribadisce - si legge oggi in una nota della scuola - che quanto è accaduto è particolarmente grave, in merito ad un utilizzo improprio e inadeguato del video e della procedura seguita nel corso della lezione, tenuto conto della età adolescenziale degli studenti della classe e del contesto entro cui si è svolta ogni vicenda denunciata. In ogni caso - prosegue la nota- si evidenzia che la presenza della presidente del 'Movimento per la Vita' di Monopoli non è stata mai né richiesta a questa dirigenza o alla scuola, né tantomeno autorizzata, e men che meno lo è stata la proiezione del video in questione. Pertanto, ove siano confermate circostanze che abbiano violato le garanzie educative, saranno prese le opportune decisioni da parte degli organi preposti».

IL GARANTE REGIONALE DEI MINORI - «Questa opera di vergognosa informazione deviante è inaccettabile soprattutto se proiettata alla presenza di minori in una scuola». Lo dichiara in una nota Ludovico Abbaticchio, Garante regionale dei diritti dei minori, con riferimento alla proiezione in un liceo di Monopoli di un video sull'aborto. «Esiste una legge dello stato la 194/78 - spiega Abbaticchio - che prevede anche la corretta informazione contraccettiva per prevenire l’aborto. L’educazione alla salute e alla sessualità si realizza attraverso programmazione equilibrata ed informazione corretta anche per prevenire l'aborto che rimane comunque una scelta luttuosa e drammatica per la donna che sceglie questo percorso garantito dalla legge. Legge 194 che garantisce anche le minori. Come Garante - continua - chiederò ai responsabili scolastici cosa è accaduto e chi ha scelto questo inaccettabile incontro che sicuramente ha provocato nei minori che hanno assistito gravi momenti di sgomento e di dramma psicologico. Chiederò alla procura dei Minori e al tribunale per i minori - conclude - di intervenire per quanto di loro competenza per accertare le responsabilità di questo intervento deviante e terroristico nei confronti di minorenni all’interno di attività scolastiche»

Le liste civiche Insieme per MonopoliContento per Monopoli e Monopoli Civica - "Esprimiamo sconcerto e sdegno in relazione a quanto sarebbe accaduto nei giorni scorsi nel Liceo di Monopoli. Secondo quanto riportato da organi di stampa nazionali e locali, in alcune classi, durante l'ora di religione, sarebbero state proiettate immagini esplicite di aborti di particolare crudeltà, immagini che hanno colpito profondamente la sensibilità degli alunni coinvolti".

"Aldilà di possibili aspetti penali e disciplinari della vicenda - è detto in una nota -  che pur andrebbero chiariti, si ritiene che sia impensabile che nel 2018, e in una scuola pubblica, possa essere concepito un simile modo di fare educazione. 

I ragazzi, e in modo particolare gli adolescenti, vanno educati alla sessualità e a un approccio responsabile e informato ai mezzi di contraccezione; non vanno inutilmente spaventati con immagini e parole raccapriccianti perché questo non solo non serve al percorso educativo ma mina il corretto sviluppo della personalità.

 Si è consci che la maggior parte dei docenti del Liceo di Monopoli abbia una cultura e una preparazione adeguata per affrontare temi importanti quali la sessualità e la contraccezione in modo formativo ed educativo. Si ritienedunque quanto mai urgente che si forniscano agli studenti di Monopoli una equilibrata informazione e un servizio educativo responsabile per permettere loro di superare il disorientamento suscitato da quanto avvenuto. E' per questo che, attraverso i propri consiglieri comunali, le Liste Civiche Insieme per Monopoli, Contento per Monopoli e Monopoli Civica si faranno portavoce presso l'Amministrazione Comunale affinché promuova un progetto di educazione alla sessualità e alla contraccezione da attuare nelle scuole, affidandone la realizzazione a operatori qualificati e operanti in strutture istituzionali di riferimento quali ASL, Consultori".

 

Per commentare accedi con i tuoi dati, se non sei registrato puoi farlo qui.

 

 

Monopolipress.it - Testata giornalistica on line registrata al tribunale di Bari il 19-11-2012 - Nr. R.G. 2676/2012 - Num. Reg. Stampa 43
Direttore responsabile Ruggero Cristallo, Ass. culturale Talento Inedito Editore C.F. 93449380729 - Contattaci - redazione@monopolipress.it
      
Powered by ActiWeb