MANISPORCHE: LO AVEVAMO PREDETTO, ECOTASSA AL MASSIMO

Cronaca -

Riceviamo e pubblichiamo da Manisporche:

Lo avevamo (pre)detto: anche per il 2018 l’ecotassa che i cittadini monopolitani dovranno sostenere rimarrà immutata a 25,82 euro/ton, cioè la massima aliquota possibile.

Con una determina di fine ottobre, la Regione Puglia aveva provveduto ad assegnare alla città di Monopoli l’aliquota di 25,82 euro/ton, in quanto la comunicazione risultava “incompleta o non conforme”.
Il 7 novembre scorso, sul sito del Comune, era apparsa una comunicazione con la quale si informava i cittadini che il dirigente dell’Area Organizzativa IV Amedeo D’Onghia aveva provveduto ad inviare alla Regione Puglia gli opportuni chiarimenti e, a seguito della quale, veniva precisato che la determina dirigenziale n.250 del 30 ottobre 2017 “sarebbe stata rettificata”.
L’8 novembre Manisporche precisava che, pur essendo tale comunicazione un atto necessario e dovuto, essa non avrebbe comportato alcun cambiamento di tariffa (come veniva fatto credere), essendo il Comune di Monopoli ben lontano da quel 30% che sarebbe necessario per poter cominciare minimamente a scalfire il livello massimo di ecotassa.
E infatti la Regione Puglia, con determina dirigenziale 1 dicembre 2017 n.289, ha provveduto a rettificare l’ecotassa per tutti i Comuni che hanno provveduto a inviare comunicazioni correttive ma, per Monopoli, precisa che “sulla base della documentazione inviata, sono state validate percentuali di raccolta differenziata che confermano le aliquote già determinate nell’atto dirigenziale n. 250 del 30 ottobre 2017”.
Traduzione: anche per il 2018 pagheremo 25,82 euro/tonnellata.

Quelli di Manisporche novelli prestigiatori? Siamo seri, era una previsione molto facile. La percentuale di raccolta differenziata del Comune di Monopoli è talmente bassa che mai sarebbe rientrata in nessuno scaglione di riferimento per l’abbattimento del tributo speciale.
Ma ci chiediamo, e su questo chiediamo altrettanta serietà, come mai la notizia della mancata rettifica della determina non sia stata comunicata ai cittadini con la stessa solerzia con cui era stato comunicato l’invio del chiarimento alla Regione.
La verità è che, sulla storia dei rifiuti, la vera corsa dell’amministrazione Romani è nel mettere le toppe: toppe ai contratti falliti, a quelli mal scritti nonostante fossimo comune capofila dell’ARO, a un contratto ormai vigente da nove milioni di euro l’anno che stenta a decollare, non è operativo neanche nella metà del centro cittadino (figurarsi in campagna), ma che l’amministrazione non può permettersi di contestare pienamente (se non a parole dal Sindaco in TV) per non evidenziare la sua ennesima figuraccia sul tema.

 

 

Per commentare accedi con i tuoi dati, se non sei registrato puoi farlo qui.

Monopolipress.it - Testata giornalistica on line registrata al tribunale di Bari il 19-11-2012 - Nr. R.G. 2676/2012 - Num. Reg. Stampa 43
Direttore responsabile Ruggero Cristallo, Ass. culturale Talento Inedito Editore C.F. 93449380729 - Contattaci - redazione@monopolipress.it
      
Powered by ActiWeb