MOVIDA, IL POPOLO DELLA FAMIGLIA CHIEDE LE DIMISSIONI DI BARNABO'

Cronaca -

Non si placa la polemica avviata nei giorni scorsi dal Comitato dei residenti del Centro storico, guidati dal prof. Angelo Giangrande, che hanno lamentato l'invivibilità della zona a causa della movida. Invivibilità che inizia a causare la vendita degli appartamenti.  A Giangrande ha risposto il presidente della Pro Loco, Francesco Barnabò, che su un giornale locale ha duramente attaccato Giangrande. Ora interviene il Coordinatore Cittadino del Popolo della Famiglia, Mirco Fanizzi. "Chiediamo le dimissioni del presidente della Pro Loco - afferma Fanizzi. Le affermazioni del Presidente Barnabò a nostro avviso non hanno solo offeso la maggior parte dei residenti del Centro Storico e Via  Procaccia, ma tutta la cittadinanza. Ancora una volta ci troviamo di fronte ad atteggiamenti che fanno intendere come alcune persone che svolgono mansioni di rilievo volte al bene comune pensino che la Città di Monopoli sia di loro esclusiva proprietà. Purtroppo il Presidente dimentica che per molti la casa non è una questione di mattoni, ma è un luogo dove vengono creati i ricordi, arrivano gli amici e la famiglia è per sempre. Anche uno scantinato può essere meraviglioso. Pertanto non è una questioni di soldi ma di valori che mai nessuno potrà ripagarti .Chi si vede costretto a vendere la propria abitazione per schiamazzi notturni, mancanza di parcheggi, musica ad alto volume, è da considerarsi parte lesa di una macchina amministrativa che guarda solo al benessere economico e al portafoglio di pochi. Grazie al cielo oggi ci sono persone che non vivono solamente in funzione dei soldi. Pertanto quando dice che quella di vendere le case " è una scelta fatta con il cuore infranto, ma con il portafoglio pieno" a nostro avviso è  una dichiarazione che riassume il suo modo di pensare e agire. Richiediamo le sue immediate scuse e dimissioni”. Il Popolo della Famiglia ha annunziato che presenterà nei prossimi mesi un piano in grado di coordinare le azioni necessarie a contrastare i disturbi procurati da una movida ormai incontrollabile. Un piano con gli attori locali organizzato attraverso un processo partecipativo che coinvolgerà l’Arpa e gli uffici della Città che effettueranno indagini e rilievi, al fine di verificare l’efficacia delle azioni e l’evoluzione del fenomeno.

 

Per commentare accedi con i tuoi dati, se non sei registrato puoi farlo qui.

 

 

Monopolipress.it - Testata giornalistica on line registrata al tribunale di Bari il 19-11-2012 - Nr. R.G. 2676/2012 - Num. Reg. Stampa 43
Direttore responsabile Ruggero Cristallo, Ass. culturale Talento Inedito Editore C.F. 93449380729 - Contattaci - redazione@monopolipress.it
      
Powered by ActiWeb