SORINO CHIUDE LA CAMPAGNA ELETTORALE OGGI ALLE 23

Comizio in piazza Vittorio Emanuele
Elezioni -

La campagna elettorale sta volgendo al termine: Francesco Sorino invita gli elettori oggi alle ore 23 in piazza Vittorio Emanuele alla chiusura del suo impegno politico per le amministrative 2013. "Cari concittadini, cari elettori - dice Sorino -  è arrivato il tempo di non scherzare più con le aspettative e di tracciare una prospettiva e un futuro per la nostra bella città ponendo le basi per un cambiamento. Vi invito in piazza Vittorio Emanuele alle ore 23".

"Uomini, metodo e merito sono le basi del cambiamento. Gli uomini- scrive Sorino in un comunicato -  devono dedicare tutto al ruolo che i cittadini gli affidano, non devono rincorrere altre cariche, devono essere motivati, affidabili e coesi. Vi spiego quella che secondo me è l’orchestra dell’amministrazione uscente. Il sindaco, che ne è il direttore, è distratto dalle proprie ambizioni e non sente (o fa finta) le stonature degli orchestrali. Gli orchestrali a loro volta si consumano in faide e lotte fra assessori e si ripropongono a voi con sfrontatezza inaudita chiedendo ancora il consenso infischiandosene delle vostre aspettative, arrivando alla intimidazione e mercimonio del voto. La verità è che questi signori se la suonano e se la cantano da soli credendo di essere insostituibili. Voi amministratori invece siete stati superati dagli eventi.
Il metodo è come si deve operare il cambiamento. I problemi non vanno rincorsi, perché se non si risolvono vanno sempre più veloci di te. Un esempio: il contratto dei rifiuti. La precedente amministrazione si è insediata nell’aprile 2008, il contratto con la precedente società, Lombardi, scadeva nell’agosto 2010. Gli amministratori hanno portato il provvedimento in consiglio comunale solo nel dicembre 2010. Come si può pretendere che si parli di risoluzione dei problemi? Ci troviamo a dover pagare quei contenziosi che il sindaco nega, ma che ci piomberanno sulla nostra testa fra capo e collo per non parlare del fatto che la diminuzione della differenziata porterà ad aumentare la tassa sui rifiuti. I problemi diventano progetto quando tu intercetti la difficoltà o l’idea che può migliorare. I problemi si anticipano in due modi: lo studio di prospettiva e l’ascolto.
Il cambiamento e il futuro della città si misurano con il merito. Il merito è la proposta, è la progettazione: creare basi solide da porre oggi per il nostro domani. Basta alzare l’asticella delle prospettive e pensare alle sfide future che questa città deve affrontare: sfide ambientali, infrastrutturali e occupazionali".

 

Per commentare accedi con i tuoi dati, se non sei registrato puoi farlo qui.

Monopolipress.it - Testata giornalistica on line registrata al tribunale di Bari il 19-11-2012 - Nr. R.G. 2676/2012 - Num. Reg. Stampa 43
Direttore responsabile Ruggero Cristallo, Ass. culturale Talento Inedito Editore C.F. 93449380729 - Contattaci - redazione@monopolipress.it
      
Powered by ActiWeb